saransa

Relazioni internazionali, cucina e fotografia (non necessariamente in quest'ordine)

Il post che non leggerà nessuno?

Ferragosto, ferragosto!

Anche quest’anno è arrivato ed anche questa volta passerà in fretta.

Non so voi, ma io da piccola pensavo che ferragosto fosse una festa piantata così in mezzo al mese così.. perché era giusto che ad agosto ci fosse.

Be non proprio.

In realtà ha una storia ben più antica e come al solito la Chiesa si è intromessa solo più tardi.

Il termine infatti deriva dal latino, Feriae Augusti (riposo di Augusto).

Come il nome suggerisce, è una ricorrenza creata dall’imperatore Augusto intorno all’anno 8 a.C..

All’epoca esistevano già festività rurali volte a celebrare i raccolti e la fine dei principali lavori agricoli oppure per propiziarsi abbondanza e fertilità per quelli successivi.

Con l’introduzione della feria (detta anche Augustali) in aggiunta alle altre celebrazioni agostane, si crea così un periodo adeguato di riposo dalle fatiche agresti. E non bisogna dimenticare che scopo non secondario di queste novità era l’auto-promozione del suo istitutore.

In epoca augustea iniziano anche i festeggiamenti ed in tutto l’Impero si organizzavano feste e corse di cavalli, e gli animali da tiro, inutilizzati per i lavori nei campi, venivano adornati di fiori.

Altra usanza nata in quest’occasione è quella degli auguri: i contadini porgevano i proprio auguri ai padroni e questi ricambiavano con una mancia.

Tutto continuò per diverso tempo, quando un bel giorno arrivò la Chiesa cattolica (sai che novità!).

Come in altre occasioni (vedi ad esempio il Natale), anziché combattere le barbare tradizioni romane le assimilò ed istituitì la celebrazione dell’Assunzione di Maria (anche se tale dogma è stato riconosciuto solo nel 1950).

Nel resto del mondo cattolico la solennità è sicuramente festeggiata ed anche nel mondo ortodosso dove però il giorno in questione è il 28 agosto, in quanto la Chiesa ortodossa segue il calendario giuliano.

Ma fuori dall’Italia nessuno parla di Ferragosto!

Ma vi dirò, mi piace questo puro riferimento alla romanità. Una connessione diretta col passato che grazia ad una festa, tra le favorite in assoluto, è ancora sulla bocca di tutti!!

Ma proposito di bocca…

chissà quante tradizioni culinarie esistono per questa ricorrenza!!!

Ogni paese, città ma anche ogni singola famiglia ha le sue usanze per questo giorno.

Ho cercato le tradizioni all’estero ma non ho trovato niente 😦

se qualcuno ne conosce me lo faccia sapere che sono sempre curiosa di tradizioni e gastronomie festaiole !

[l’lunica che conosco è il pollo con peperoni di Roma]

Ma per me ferragosto ha la forma di una polpetta agliosa della nonna!!!

ScenaineditaperPiovonoPolpette

 

Impossibile dimenticare quei pranzi dalle tavolate infinite. Quella pasta al forno imbottita. Le mille fritture. I dolci.

Ma era lei la regina incontrastata di quel banchetto celestiale: la polpetta!

Profumata, unta, agliosa.. ricordo le cofanate intere ma nelle quali non rimanevano nemmeno le briciole!

Purtroppo oggi niente polpette per me 😦

In questo barbaro paese non è nemmeno festa e quindi si lavora.

Che bisogna fare?!

Ripassare la ricetta e prepararsi a recuperare un pranzo da ingrassatura nel weekend!!

Nel frattempo auguri e buon ferragosto a tutti…

… e la mia mancia?

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: