saransa

Relazioni internazionali, cucina e fotografia (non necessariamente in quest'ordine)

God save the Kilt

Indipendenza o non indipendenza, questo è il problema!

Non vi sará sfuggito che oggi è la vigilia di una giornata storica.

Ebbene si, domani si svolgerá il referendum con il quale si chiede agli scozzesi:

Should Scotland be an independent country? 

scotland

È una campagna assolutamente affascinante, come mai avevo visto fino ad ora.

La vecchia Albione è in subbuglio ed i dibattiti si sono sprecati nel corso dell’ultimo anno.

Come detto, quella di domani sará una giornata storica, e non è un termine a caso!

Qualsiasi sará il risultato, i protagonisti di questa vicenda non saranno mai piú gli stessi.

La Scozia, anche nell’eventualitá rimanesse all’interno del Regno Unito, ha giá guadagnato molto. I rappresentati dei maggiori e principali partiti britannici, tra cui l’attuale primo ministro Cameron, hanno firmato un impegno formale per concedere maggiori garanzie ed autonomia alla popolazione aldilá del vallo di Adriano.

Ma anche le comparse scrutano con attenzione le urne.Volete che Galles ed Ulster non siano tentati dallo stesso bluff?

 

Ma sará una giornata storica anche a livello internazionale.

Numerosi sono gli stati in balia di correnti indipendiste e nazionaliste. Esempi?

La Spagna e la Catalogna

La Crimea, tra Russia ed Ucraina.

La Russia e gli stati caucasici.

La Cina, tra Tibet e la regione dello Xinjiang (dove vivono gli uiguri).

E non dimentichiamoci il Belgio, dove l’esito della consultazione potrebbe galvanizzare i nazionalisti fiamminghi.

Ma non si tratta solo dei movimenti intestini.

Come reagiranno le grandi organizzazioni internazionali, UE, ONU, NATO?

La “nuova” Scozia molto probabilmente dovrá avanzare una richiesta di ammissione per tutte e tre.

Questo porterá via molto tempo e non è detto che il nuovo soggetto internazionale soddisfi i requisiti richiesti per aderire al club. E non è nemmeno scontato che tutti i membri anziani siano favorevoli alla sua ammissione!

E nel frattempo?

Il Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord (che decisamente dovrá cambiare nome) sará considerato anch’esso una nuova entitá? E di conseguenza, potrá ancora sedere al Consilio di Sicurezza? (tranquilli, che tanto anche se non ne avesse piú diritto un cavillo lo trova!!).

Ma qui stiamo ancora facendo i conti senza l’oste.

Ovvero il risultato della consultazione.

Il risultato è quantomai incerto. Il testa a testa è avvincente!! E la campagna elettorale è stata l’esaltazione del terzo principio della dinamica applicato alla politica (ricordate? Reazione uguale e contraria).

Ogni punto in discussione è stato singolarmente preso e rovesciato per rispondere alle motivazioni dell’avversario. Che si trattasse dei giacimenti petroliferi nel Mare del Nord, l’adesione all’UE, la moneta da utilizzare, il ruolo della regina.. tutto  uguale ma con ottiche diametralmente opposte.

 

Ad onor di cronaca, fino alla fine di agosto, Londra non ha prestato nemmeno troppa attenzione alla propaganda. L’ha considerata, come tutte le questioni Scottish, di poca importanza.

Ma da dove nasce tutta questa idiosincrasia reciproca?

Si perché questo referendum è solo l’ultimo capitolo di una travagliata, tormentata storia. No, non una storia d’amore.

E non si puó negare che l’Inghilterra si sia sempre posta su un piano di superiorità rispetto alla Scozia. Ok, l’Inghilterra si comporta così con tutti, ma tra Londra e Edimburgo non è mai corso buon sangue.

È addirittura esistita una versione dell’inno nazionale con la strofa Rebellious Scots to crush!

Gli inglesi non hanno mai amato gli scozzesi, anzi..!!!

Un’altra prova? L’haggis!!!!

L’haggis è il piatto tipico scozzese, e come tale non è una raffinatezza per tutti i palati.

Si tratta infatti di stomaco di pecora ripieno di interiora (cuore, fegato, polmone), avena e spezie.images (1)

Questo era tradizionalmente un pasto da viaggio. Si può sembrare strano, ma a pensarci..

Veniva precotto ed una volta pronto l’insaccatura nel budello permetteva di portarlo comodamente dietro nei lunghi spostamenti di bestiame lungo le valli. Tanto è vero che i kilt originari non prevedevano gli orpelli che vediamo oggi, ma solo un piccolo pugnale nel calzettone destro, pronto ad incidere l’insaccato all’ora della cena.

Cosa c’entra l’Haggis con Londra?

La Scozia è sempre stata storicamente fornitore di materie prima di ottima qualità. Così, i tagli migliori di pecore ed agnelli partivano velocemente alla volta della capitale, delle sue tavole nobiliari e di quelle del resto del paese.

Nella vecchia Alba non restavano che gli scarti (il c.d. quinto quarto di pecora). Macinati e mischiati a sale e spezie per la conservazione.. et voilà, ecco come è nata questa prelibatezza (che son sicura gli indipendentisti avranno già preparato per l’eventuale vittoria!).

Talmente amato, che all’haggis è stato addirittura dedicato un poema, Address to a Haggis.

Ye Pow’rs, wha mak mankind your care,
And dish them out their bill o fare,
Auld Scotland wants nae skinking ware
That jaups in luggies:
But, if ye wish her gratefu prayer,
Gie her a Haggis

[qui la traduzione in inglese]

A comporlo è stato il poeta scozzese Robert Burn.

Burn è l’icona della nazione ed a partire dal XIX secolo è stata istituita la Burn Supper, una celebrazione della vita, della morte e delle opere dell’autore.

Questa serata rappresenta la quintessenza della scozzesità ed indovinate… l’haggis ne è il piatto forte!

Quindi lo scontro è tra titani..  Haggis vs Roastbeef ?

Ma anche:

Sant’Andrea vs San Giorgio

Edimburgo vs Londra

Unicorno vs …. qual’è l’animale nazionale dell’Inghilterra?

In sostanza:

Yes or No ?

non lo so, ma nel frattempo io preparo il pop corn 🙂

ps:  IMHO,il miglior intervento sulla questione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: